Glossari.it





indice glossari e dizionari
elenco acronimi sigle abbreviazioni
elenco lista aeroporti sigle iata
elenco ccTLDs Top Level Domains
Geographical Information System
glossario protezione civile
glossario urbanistica
museologia beni culturali
glossario fotografia digitale
glossario produzione video
glossario energia elettrica
glossario birra - champagne
glossario armi bianche e da taglio
glossario astrologia
glossario bonsai - giardinaggio
glossario libri e bibliofilia
glossario diamanti - orologi - perle
glossario pietre preziose gemme
glossario allergie - maternità
termini cardiologia cardiomiopatia
glossario odontoiatria
glossario psicologia psicanalisi
glossario glossario astronomia
glossario micologia e funghi
glossario vulcani e terremoti
glossario formazione corsi
armi da fuoco tiro sportivo
glossario vela navigazione
glossario antico egitto
glossario preistoria protostoria
automobili sicurezza stradale
glossario logistica trasporti
santi toscani - Tour, concerti e festival di musica dal vivo

 

Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria

Airbnb


 

 

 

 

Glossari.it >> storia >> preistoria

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Glossario di Preistoria

A

Acheuleano - Stadio culturale del Paleolitico inferiore (500-100 mila anni circa) riferibile all'Homo Erectus, caratterizzato soprattutto dalla produzione di amigdale [vedi].

Amigdala- Robusti strumenti con apice appuntito, spesso a forma di mandorla.

Ansa a gomito - Particolare tipo di ansa verticale, asimmetrica, caratterizzata nella sua porzione superiore da uno spigolo molto netto, ad angolo quasi retto. Compare alla fine dell'Eneolitico e si tramanda nella prima età del Bronzo.

Armature - Piccoli strumenti in pietra immanicati in serie uno accanto all'altro su un supporto ligneo o osseo per ottenere un'arma da lancio o da getto; uno strumento a dorso [vedi] appuntito o con un margine tagliente venia posto all'estremità superiore per favorire la penetrazione o il taglio, altri strumenti di forma triangolare o trapezoidale venivano immanicati ai due margini del supporto, creando così un arpone dentato. Si tratta in genere di strumenti microlitici [vedi].

B

Bifacciale - Strumento tipico dell'Acheuleano [vedi], da 450 mila a 100 mila anni circa, ottenuto con una lavorazione su entrambe le facce del supporto. La forma è simmetrica e spesso appuntita. Viene indicato anche col termine amigdala [vedi] quando la forma è a mandorla.

C

Calibrazione - Termine che si riferisce alle datazioni assolute (cioè in anni) dei depositi archeologici. Con la calibrazione la datazione radiometrica [vedi] viene collocata all'interno di una scala cronologica più precisa, priva dell'errore connesso con i metodi radiometrici, costruita più frequentemente mediante la dendrocronologia [vedi]. Le correzioni, cioè le date calibrate, si riferiscono agli ultimi 8 mila anni.

Carbonio 14 - [vedi "datazione radiometrica"]

Corredo funerario - Insime di offerte rituali che accompagnano la sepoltura di un defunto. Eccezionali nelle prime sepolture che risalgono al Musteriano [vedi], si fanno consistenti nelle inumazioni delle prime fasi del Paleolitico superiore [vedi] per divenire in seguito più sobrie. Le offerte comprendono cibo, strumenti in pietra, minerali esotici, ornamenti e, nella preistoria più recente, vasellame, armi e monili in metallo. In ogni periodo alle sepolture sono associati oggetti di prestigio.

D

Datazione radiometrica - Metodo di datazione assoluta di un reperto organico (osso, carbone vegetale...) o inorganico (rocce vulcaniche, formazioni stalagmitiche...) basato sul decadimento degli isotopi contenuti nel reperto stesso. Il metodo più utilizzato è quello del Carbonio 14, basato sulla quantità residua di carbonio contenuta in un reperto e sul conteggio delle fasi di dimezzamento spontaneo del carbonio stesso che, dopo la morte dell'organismo, avviene ogni 5.200 anni circa. Il metodo radiometrico contiene un errore sistematico dovuto a diversi fattori (contaminazione del campione, diversa radioattività presente nell'atmosfera nelle varie epoche, metodo di conteggio...) che per le epoche più recenti può essere corretto mediante la calibrazione [vedi].

Dendrocronologia - Tecnica di datazione assoluta basata sul conteggio degli anelli di accrescimento annuale degli alberi.

Dentalium - Mollusco marino ricco di specie, comune in tutti i mari.

Diallagio - Minerale della famiglia dei Pirosseni, frequenti soprattutto nelle rocce eruttive. Caratterizza alcuni affioramenti del Monte Ferrato.

Dispersione entomofila - Le piante a dispersione entomofila si affidano agli insett per la riproduzione.

Dorso (strumento a d.) - Termine tecnico indicante il margine di una lamella lavorato con una micropercussione destinata a conferire alla lamella stessa una forma predeterminata e a rendere il bordo più robusto. Gli strumenti a dorso sono caratteristici del Paleolitico superiore [vedi] e tra essi figurano anche quelli di dimensioni molto ridotte [vedi "microliti"] usati per armare gli arpioni da lancio [vedi "armature"].

E

Epigravettiano - Stadio culturale della fine del Paleolitico superiore (19-10 mila anni circa) riferibile all'Homo sapiens sapiens, che nell'Europa mediterranea indica l'evoluzione del precedente Gravettiano. E' caratterizzato, tra l'altro, dalla produzione di piccoli strumenti. Numerose furono le manifestazioni artistiche, tendenti progressivamente a motivi sempre più schematici e astratti. Viene convenzionalmente suddiviso in tre fasi: Epigravettiano antico (19-17 mila anni da oggi), Epigravettiano evoluto (17-15 mila anni da oggi) ed Epigravettiano finale (15-10 mila anni da oggi).

F

Figulina - Impasto molto depurato ottenuto lasciando decantare per molto tempo l'argilla in appositi contenitori e raccogliendone solo la componente più fine. E' destinato alla fabbricazione di vasellame fine, non da fuoco.

Foliato - Strumento ottenuto con una particolare lavorazione per pressione adatta ai supporti poco spessi. Tra le diverse tipologie di foliati, caratteristiche sono le punte di freccia, inventate già nel Paleolitico superiore (in Spagna, 19-18 mila anni fa), presenti nella preistoria italiana solo a partire dal Neolitico.

Fusaiola - Disco in terracotta o pietra con foro centrale, utilizzato per la filatura, collocato alla base del fuso per renderlo pesante e per mantenere costante la rotazione del fuso stesso.

G

Glaciazioni - Fasi climatiche particolarmente fredde, con temperature basse anche durante le stagioni estive, che hanno causato la formazione di ampie calotte glaciali. L'aumento di queste ultime avviene a spese delle acque dei mari e degli oceani, con conseguente abbassamento del livello del mare (regressione marina) e successiva risalita durante le fasi temperate con lo scioglimento delle calotte stesse (trasgressione marina). Negli ultimi due milioni e mezzo di anni sembrano documentate circa venti glaciazioni. I periodi di miglioramento climatico tra una glaciazione e l'altra sono detti "interglaciali".

H

Homo - Genere comparso per la prima volta in Africa prima di due milioni di anni fa, come risultato dell'evoluzione del genere Australopithecus. Comprende più specie, convenzionalmente collegate ai diversi stadi culturali del Paleolitico: "Homo habilis", vissuto solo in Africa (Paleolitico arcaico), "Homo erectus", che ha popolato i territori al di fuori dell'Africa (Paleolitico inferiore), "Homo sapiens neanderthalensis" (Paleolitico medio) e "Homo sapiens sapiens", l'uomo anatomicamente moderno che si diffonde in Europa a partire da circa 40 mila anni fa (dal Paleolitico superiore ad oggi).

I

Igrofilo- Organismo che può vivere in un ambiente terrestre molto umido, quasi saturo.

Incinerazione - Pratica funeraria con la quale si brucia il corpo del defunto.

Industrie litiche - Sono così definite le produzioni preistoriche di manufatti in pietra (selce, diaspro, calcare, ossidiana...).

Interstadiale - Episodio di clima meno rigido all'interno delle glaciazioni [vedi], intervallato tra due fasi di rincrudimento climatico dette stadiali [vedi].

Malacologia - Branca della zoologia che studia i molluschi.

Mesolitico - Stadio culturale compreso tra il Paleolitico e il Neolitico (10-7 mila anni fa circa), caratterizzato dalla prosecuzione delle attività di caccia e di raccolta di tipo paleolitico, in ambienti modificati dal miglioramento climatico avvenuto al termine del Pleistocene [vedi] con la fine dell'ultima glaciazione. Rientra nell'Olocene [vedi] antico.

Microliti - Definizione attinente gli strumenti litici di ridotte dimensioni, con lunghezze comprese tra mm 15 e mm 25.

Musteriano - Termine che comprende le diverse culture dell'uomo di Neandertal (100-40 mila anni orsono circa) differenziate nelle diverse regioni europee.

N

Necropoli - Luogo destinato allaconservazione dei resti dei defunti, nel quale si concentrano strutture tombali. Più diffuse sono le fosse di inumazione. Le prime necropoli si formano durante il Neolitico: nelle epoche precedenti, gli accorpamenti di più sepolture nel medesimo luogo sono casuali.

Neolitico - Stadio culturale successivo al Mesolitico [vedi], databile tra i 7 e i 5 mila anni fa, caratterizzato da una rivoluzione nei sistemi di vita delle comunità preistoriche; iniziano le pratiche dell'agricoltura e dell'allevamento, si formano i primi villaggi stabili, nelle produzioni è introdotta la fabbricazione della ceramica. Inizia la navigazione organizzata senza coste a vista.

O

Ocra - Minerale a colorazione giallastra o più spesso rossa, utilizzato come base per il pigmento colorato nell'arte preistorica e anche nelle sepolture.

Ofiolitico - Termine petrografico che indica un insieme di rocce (rocce verdi) presenti anche sull'Appennino e sul Monte Ferrato. Le rocce verdi sono usate per la costruzione di oggetti in pietra levigata.

Olocene - Era geologica attuale, facente parte del Quaternario insieme all'era precedente, il Pleistocene [vedi].

Ossidiana - Vetro di origine vulcanica presente soprattutto nelle principali isole del Mediterraneo (Lipari, Isole Pontine, Pantelleria, Sardegna, Cicladi), particolarmente ricercato a partire dal Neolitico e diffuso in gran parte d'Europa attraverso scambi e commerci. Analisi chimico-fisiche permettono di determinare il giacimento di provenienza dell'ossidiana e talora la specifica colata vulcanica; in questo modo i manufatti in ossidiana costituiscono uno dei più validi indicatori dei rapporti intercorrenti tra le varie zone, anche attraverso itinerari marittimi. Essa probabilmente è solo una secondaria merce di scambio, collegata a traffici che prevedevano altri prodotti e materie prime, che non si sono conservate; in quanto non deperibile è spesso l'unica testimonianza dell'esistenza di rapporti culturali le cui motivazioni economiche ancora ci sfuggono.

P

Paleolitico - Il più antico stadio culturale della storia dell'umanità, dalle origini (2 milioni di anni fa circa) sino alla fine del Pleistocene (10 mila anni fa). Viene convenzionalmente suddiviso in Paleolitico arcaico (le culture delle origini), Paleolitico inferiore (da circa 1 milione a 100 mila anni fa), Paleolitico medio (100-40 mila anni fa) e Paleolitico superiore (40-10 mila anni fa).

Paleoalveo - Antico corso di torrente, prosciugato, utilizzato dalle popolazioni preistoriche quale cavità infossata nella quale impiantare le strutture abitative.

Palinologia - Studio e determinazione dei pollini e delle spore conservatisi nei sedimenti. Campioni di terreno prelevati durante lo scavo sono sottoposti a specifici trattamenti per separare i pollini dal sedimento; al termine delle operazioni essi sono osservati al microscopio ottico binoculare. Il loro conteggio porta alla ricostruzione della popolazione floristica.

Pleistocene - Era geologica collegata al lungo ciclo delle glaciazioni [vedi], terminata circa 10 mila anni fa, facente parte del Quaternario insieme alla attuale era detta Olocene [vedi].

Polada (cultura di P.) - Facies dell'antica età del Bronzo dell'Italia settentrionale (Lombardia, Veneto, Trentino), con una fase preparatoria giàalla fine del III millennio.

R

Romanelliano - Termine ormai entrato nella nomenclatura delle culture del Paleolitico superiore finale, indicante un aspetto particolare dell'Epigravettiano finale [vedi] con la produzione molto abbondante di piccoli grattatoi corti e, in particolare, circolari. Rappresenta uno dei fenomeni di regionalizzazione tardopaleolitici italiani ed è documentato nel Salento (Puglia meridionale) e in Liguria.

S

Spettro pollinico - La composizione percentuale della flora pollinica di un livello ne costituisce lo spettro pollinico, l'immagine riflessa della vegetazione coeva alla deposizione stratigrafica. Disponendo quindi di una sequenza di campioni si ottiene una serie di spettri di rilievi floristici di tempi successivi.

Stadiale - Episodio di clima freddo all'interno del periodo glaciale, intervallato con fasi di miglioramento climatico dette interstadiali [vedi].

Steatite - Varietà di talco di colore verde pallido. E' stato spesso usato per ottenere oggetti di ornamento.

Stile franco-cantabrico - Stile dell'arte paleolitica diffuso soprattutto nella Francia centro-meridionale e nella Spagna settentrionale; è caratterizzato da un vivace naturalismo, da una grafica attenta alle proporzioni e ai dettagli anatomici del soggetto raffigurato (soprattutto animali), con tentativi di prospettiva.

Stile mediterraneo - Stile dell'arte paleolitica, così definito da P. Graziosi nel 1956, diffuso soprattutto nella Spagna orientale, nella Francia meridionale e nel territorio italiano. Le figurazioni appaiono più rigide e scehmatiche rispetto allo stile franco-cantabrico [vedi] e comprendono anche una serie complessa di segni geometrici e lineari.

Stratigrafia - Sovrapposizione di più strati di terreno che indica la successione delle culture.

T

Tardoglaciale - Termine che indica complessivamente le varie fasi climatiche successive all'ultimo acme freddo dell'ultima glaciazione, comprese tra 20 e 10 mila anni fa circa. Corrisponde al periodo di diffusione dell'Epigravettiano [vedi] nell'Europa mediterranea.

U

Uluzziano - Cultura legata agli ultimi neandertaliani italiani (38-33 mila anni fa circa) e diffusa solo nell'Italia centro-meridionale. Prende il nome dalla baia di Uluzzo (Lecce), dove fu individuata per la prima volta negli anni '60 del '900. La Toscana è una regione particolarmente ricca di testimonianze uluzziane. Lo strumento più caratteristico è un manufatto a formadi semiluna, con un margine molto arcuato e doppio apice appuntito.

glossario di paletnologia elaborato dalla redazione di Glossari.it
sulla base di pubblicazioni curate dal Prof. Fabio Martini dell'IIPP
© Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria 1999-2004 - tutti i diritti riservati


Google
 
Web glossari.it